La Tana dell'Orso

I mezzi di comunicazione di massa non sono meno pericolosi dei mezzi di distruzione di massa

[sticky post]Di cosa parla questo blog?
latanadellorso
43521331

Al giorno d’oggi possiamo notare come i mezzi di comunicazione di massa abbiano trasformato la Societa’ dell’informazione in una Societa’ della disinformazione. Cio’ riguarda in particolar modo la cronaca degli eventi di politica internazionale, e soprattutto l’ambito dei rapporti tra Russia (o qualsiasi altro paese del resto del mondo) e Occidente. In questi casi i media si trasformano in un’arma propagandistica, attraverso la quale vengono condotte delle guerre d’informazione, vengono “creati” dittatori, estremisti e terroristi, i quali opprimono coloro che si battono per la liberta’. Lo stesso evento in paesi diversi viene presentato da punti di vista estremamente distanti tra loro, in parte addirittura opposti. A seconda di cio’ che fa comodo a ognuno.
Continua...Collapse )

Dittatori e pagliacci
latanadellorso
In questo video vi parliamo di cio' che il referendum in Grecia ha dato a tutti gli altri europei.


Come zEUs ha rubato l'Europa alla Grecia
latanadellorso
La Grecia vuole camminare con le proprie gambe, ma l'Unione Europea blocca le iniziative che le permetterebbero di essere piu' indipendente dal punto di vista economico. Oggi stanno tentando di togliere alla Grecia il diritto di scegliere il proprio futuro. Il capitalismo ha dichiarato guerra alla democrazia.


200 mila soldati russi in Ucraina...
latanadellorso
Errore madornale del Corriere della Sera o il presidente ucraino l'ha sparata grossa?


Bombe arcobaleno sull'Italia
latanadellorso
La legalizzazione dei matrimoni omosessuali negli Stati Uniti e le possibili conseguenze per l'Italia


I cinque occhi del Grande Fratello dell'Europa
latanadellorso
L'ennesimo scandalo di spionaggio o come lo spionaggio influenza la politica "independente" dell'Europa


Nord Stream 2.0 e le sanzioni europee contro.. l'Europa
latanadellorso
Perche' Grecia, Bulgaria, Serbia e Macedonia non possono costruire il loro gasdotto, mentre la Germania, in teoria, si'?



La prima puntata del videoblog della Tana dell'Orso. Se vi e' piaciuta, condividete! Grazie :)

Analisi della dichiarazione della Russia sulle elezioni nel Donbass
latanadellorso
Zq6bzhPoexs

Dichiarazione del ministero degli Affari Esteri russo sulle elezioni del 2 novembre nelle Oblast’ di Donec’k e di Luhans’k

2541-03-11-2014

Nelle regioni di Donec’k e di Luhans’k le elezioni si sono svolte in modo ordinato e hanno visto la partecipazione di un grande numero di elettori.

Rispettiamo la manifestazione di volonta’ degli abitanti del Sud-Est. I rappresentanti eletti hanno ricevuto un mandato per la risoluzione di compiti concreti volti al ripristino di una vita normale nelle regioni.

Tenendo conto del risultato delle elezioni, e’ estremamente importante intraprendere delle azioni efficaci per instaurare un dialogo sostenibile tra le principali autorita’ ucraine e i rappresentanti del Donbass, in linea con gli accordi raggiunti a Minsk.

Siamo pronti, assieme ai nostri partner internazionali, a portare avanti una cooperazione costruttiva volta alla risoluzione della crisi in Ucraina.

3 novembre 2014”


Una dichiarazione breve ma estremamente concreta e che riflette bene la realta’ attuale del conflitto. Proviamo ad analizzarne i diversi punti:
Continua..Collapse )

L’inquietudine del ministero degli Interni ucraino
latanadellorso
Zubritsky

Viktor Zubritsky, fiduciario dell’ex ministro degli Interni dell’Ucraina Vitalij Zakharchenko (da non confondere con il premier della Repubblica Popolare di Donec’k Aleksandr Zakharchenko, NdT) e sospettato dell’organizzazione e della coordinazione di gruppi di oppositori del Maidan, ha pubblicato questo post su Facebook:

“Secondo informazioni attendibili trasmesse dai collaboratori dei servizi investigativi di via Bogomolec 10 (indirizzo a cui si trova il ministero degli Interni dell’Ucraina, NdT), il ministero degli Interni e’ in preda ad un’autentica agitazione. Sono state ricevute delle informazioni operative secondo le quali alcuni battaglioni territoriali intendono unirsi e stanno portando avanti delle trattative con le forze delle cosiddette Repubbliche popolari di Donec’k e di Luhans’k per organizzare una “marcia armata su Kiev” congiunta. O come minimo, le forze delle Repubbliche popolari di Donec’k e di Luhans’k non intralceranno la “marcia dei battaglioni”.

Gli esponenti dei battaglioni da combattimento ritengono che gli oligarchi si siano appropriati del potere e che stiano derubando il popolo e lo stato con la scusa dell’operazione antiterrorismo, dopo aver creato un conflitto armato all’interno del paese.

Ovviamente il ministro (degli Interni Avakov, NdT) e’ in collera, e i suoi subalterni sono in preda al panico. Hanno mobilitato l’intera intelligence, utilizzando tutti i mezzi a disposizione. Le unita’ operative si sono messe al lavoro per identificare il “movimento di protesta” e privarlo dei suoi leader. Le intenzioni sono serie, si parla di eliminazione. Tuttavia non e’ chiaro chi sara’ ad occuparsene...

Avakov potrebbe agire come ha fatto con Muzychko (Oleksandr, detto Sasha Belyj, NdT).

Adesso Arsen Avakov e il suo vice Sergej Jarovoj hanno un nuovo motivo per agitarsi e organizzare trattative e riunioni.

PS: Va detto che nel ministero degli Interni c’e’ anche chi si sente sollevato dalle ultime notizie...”

NdT: alla luce delle recenti “trattative di pace” tra Mozgovoj e alcuni comandanti dell’esercito ucraino, abbiamo motivo di credere alle parole dell’insider Zubritsky.

A volte ritornano…
latanadellorso
1030531965

Il 28 ottobre si festeggia il 70esimo anniversario della liberazione della Repubblica Socialista Sovietica Ucraina dagli occupanti nazisti da parte delle truppe dell’Armata Rossa dei Lavoratori e dei Contadini.

Il presidente russo Vladimir Putin ha mandato i propri auguri agli ucraini e ha sottolineato che i popoli della Federazione Russa e dell’Ucraina devono custodire con cura la loro tradizione di fratellanza.

“I nostri padri e i nostri nonni hanno combattuto insieme, fianco a fianco, con coraggio e abnegazione, per la liberta’ e l’indipendenza della Patria, hanno schiacciato il nemico e reso piu’ vicina la tanto attesa Vittoria. Noi dobbiamo conservare con cura le grandi tradizioni di amicizia fraterna e di cooperazione che ci hanno lasciato in eredita’. E’ estremamente importante educare le nuove generazioni agli alti valori del patriottismo e opporsi attivamente a qualsiasi tentativo di risuscitare l’ideologia nazista, di incitare all’odio etnico e di falsificare la nostra storia comune”, e’ quanto riporta il telegramma del presidente, diffuso dal servizio stampa del Cremlino. Putin ha augurato ai veterani ucraini salute, benessere e serenita’, “e a tutto il popolo fratello dell’Ucraina pace e prosperita’”.

Liberazione di Kiev dagli occupanti tedeschi (gia’ nel 1943), immagini dell'epoca:


http://ria.ru/politics/20141028/1030496076.html

?

Log in